si notino la scatola fusibili specifica per mercati anglosassoni e, sopratutto, l'iniezione sul Busso al posto dei 6 D

Questo raro esemplare del 1981, con guida a destra, appartiene all'appassionato sudafricano Rory Taylor che la conserva gelosamente pur facendone un uso quotidiano. Rory possiede pure un'Alfa 164 3000 automatica. Si coglie l'occasione per smentire, nella maniera pił assoluta, l'esistenza di  una non specificata versione della sei costruita negli stabilimenti sudafricani di Brits dell' Alfa Romeo: come tutti sanno in quei stabilimenti si produssero ,dal 1974 al 1985, solo modelli di Giulia ed Alfetta. Chi afferma questo ( sempre nel solito forum di scostumati, tra l'altro...) non ha ben capito cosa era per l'Alfa Romeo produrre la sei: un SALASSO!