Se 3 indizi fanno una prova, devo dire che ora ci siamo. Era il 1997 quando, sempre in cerca di Alfa 6 da comprare o da salvare, scovai presso una nota concessionaria Alfa Romeo campana, 

 una Quadrifoglio Oro blu elettrico che il capofficina voleva "piazzarmi" ad un milione di lire.

Il motivo del prezzo basso era che il proprietario se ne voleva disfare poiché l'auto aveva subito un incendio nel vano motore, riportando notevoli danni sopratutto all'impianto elettrico.

L'auto fu trainata in concessionaria dove venne ripristinato alla buona l'impianto. Però, oramai, nel proprietario era cresciuta la paura e la mancanza di fiducia verso l'auto che portò alla vendita della stessa.

L'affare non si concluse ma restò in me il dubbio di come fosse stato possibile l'improvviso incendio.

Alcuni anni dopo, verso il 2005, vidi guarda caso un'altra Quadrifoglio Oro incendiata, di seguito le foto:

Il caso, dunque, iniziava a farsi serio; trovare una sei è come fare un terno a lotto, trovarla Quadrifoglio Oro poi è vincere la lotteria di capodanno,

 ed io ne ho trovate ben 2 incendiate e tutte e due al vano motore! Qualcosa non mi tornava.

Poco tempo fa un amico olandese mi manda le foto di quello che è successo alla sua Quadrifoglio Oro, giudicate voi:

 

In effetti la Quadrifoglio Oro soffre,  più della versione a carburatori, dell'invecchiamento dei tubi in gomma della benzina che rompendosi fanno affluire benzina sul collettore di scarico dx.

Nello specifico l'indiziato numero uno è il raccordo che alimenta il settimo iniettore ( n° 7 in figura) situato nel tromboncino aspirazione potete vedere una foto di seguito:

Morale della favola: al massimo ogni 5 anni cambiare TUTTE le tubazioni in gomma della benzina nel vano motore in subordine solo quella che alimenta l'iniettore supplementare per le partenze a freddo.