Il miglior modo per valutare le quotazioni di un'Alfa 6 è semplice: RADDOPPIARE quello che indica Ruoteclassiche. Non sono un visionario e il "donchisciottismo " non mi appartiene, ma di Alfa 6 ne hanno costruite pochissime e pochissime ne sono rimaste in giro, questo è un fatto e che fatto.

Dalle mie stime ne rimangono al mondo circa 160 2500 iniezione, un 200 2000 e circa 500 prima serie. Le TD5 poi fanno caso a parte: 30 (TRENTA!) ne ho censite, tra poco si estinguono. La 6 non può valere meno di una Alfetta prima serie, per la semplice ragione che, in quanto a contenuti ed handling, è un palmo sopra alla già eccellente berlina dell'Alfa Romeo. Tradotto: se dovete fare un lungo viaggio per un raduno il 6 cilindri a benzina ha potenza e prontezza uniche, paragonabili alle migliori berline moderne, così come il volante (servoassisitito) ed il confort (condizionatore efficiente). Chiaramente parlo di esemplari che perlomeno raggiungono la sufficienza nel test per la certificazione in homepage. Si escludono CATEGORICAMENTE gli esemplari che hanno, hanno avuto o avranno il gas. Oggi (Giugno 2017) chi si toglie un esemplare di Quadrifoglio Oro o prima serie (che superi la sufficienza del test) a meno di 15.000 euro è un folle, tra qualche anno se ne pentirà come è successo a chi ha venduto la propria Montreal prima del 2014, attualmente raddoppiate di valore. Per la 2000 non si dovrebbe scendere al di sotto dei 10.000 euro, previe condizioni di cui sopra. Se siete convinti, infine, che per 6/7000 euro portate a casa una 6 bella, lasciate perdere, la 6 fa male e non perdona e vale il famoso detto "chi più spende, meno spende". Potrei fare nome e cognomi di persone che hanno acquistato 6 apparentemente belle ma che, alla prova dei fatti, si sono rilevate disastri su quattro ruote con le conseguenti testate ai muri dei proprietari...

 

 

 

 

torna a faq